Dopo lo scandalo Volkswagen, anche Toyota richiama auto già in commercio o vendute ma il motivo è completamente diverso. Se per la casa tedesca il problema è quello delle emissioni nocive di alcuni motori diesel, per le auto giapponesi invece è stato riscontrato un difetto al sistema di apertura automatica del finestrino dal lato del conducente.

Ovviamente non c’è nulla di così allarmante: la decisione è stata presa per motivi precauzionali infatti non c’è stato nessun incidente causato da questo difetto. Ma siccome Toyota vanta alti standard qualitativi, per conservare la posizione di leadership si è vista costretta a ritirare dal mercato ben 6,5 milioni di auto in tutto il mondo. Il rischio che potrebbe provocare questo difetto può essere addirittura l’incendio dell’abitacolo per il surriscaldamento di alcuni componenti.

Cosa succederà alle auto Toyota richiamate?

Toyota richiama auto da tutto il mondo: una valanga di vetture dovrà tornare nelle concessionarie per dei controlli e delle modifiche da fare in officina. I tecnici Toyota dovranno controllare i pannelli di controllo e applicheranno nuovamente il lubrificante per proteggere il sistema di apertura automatico dei finestrini. L’operazione dovrebbe durare circa 45 minuti di tempo.

Dopo queste modifiche, se il pannello continuerà a funzionare in modo inadeguato, si procederà alla sostituzione di un circuito interno con un’operazione lavoro che richiederà altri 45 minuti di tempo ai meccanici. Quindi armatevi di pazienza se avete un auto Toyota che deve essere ricontrollata perchè l’operazione non sarà veloce e semplice. Ma non è la prima volta che Toyota si trova a risolvere questo tipo di problema.

Nell’ottobre 2012 Toyota annunciò il richiamo di 7,43 milioni di auto nel mondo a causa di difetti all’impianto elettrico dei finestrini con sempre possibili rischi d’incendio. Quindi questo tipo di difetto è difficile da risolvere evidentemente nell’azienda giapponese. In passato i modelli interessati erano Auris, Corolla, RAV4 e Yaris prodotti tra settembre 2006 e dicembre 2008.

Quali sono i modelli Toyota a rischio?

Toyota, come detto, richiamerà 6,5 milioni di vetture: circa 1,2 milioni sono in circolazione in Europa, 2,7 milioni in Nord-America e circa 600 mila in Giappone. I modelli “difettosi” sono Corolla, Yaris, Camry, Rav 4, Highlander e Auris. Si tratta di veicoli fabbricati tra agosto 2005 e agosto 2006, e fra gennaio 2009 e dicembre 2010: tutti hanno il difetto che consisterebbe in una insufficiente applicazione di un lubrificante che protegge le componenti interne dal calore.

LASCIA UN COMMENTO