Per il design del nuovo modello della Toyota Prius 2016 si è preso ispirazione da Lady Gaga. Ebbene sì, la vettura giapponese per la sua quarta generazione ha pensato di cucirsi addosso un vestito del tutto particolare, prendendo spunto dagli outifit stravaganti della celebre cantante. Prius, proprio come lei, è stata sempre all’avanguardia ed una delle più rinomate auto ibride del mondo.

Non bastavano quindi i punteggi in termini di efficienza delle prestazioni dei motori ibridi per far risaltare la Prius, ma ci voleva anche il tocco estetico per farla diventare un’automobile ambita, affascinante e glamour. La scelta di questo nuove stile è stata fatta per rendere emozionante e sexy l’esperienza di guida in questa vettura. E chi può essere d’ispirazione per far questo se non la cantante italo-inglese?

Le caratteristiche della Toyota Prius 2016

Shunsaku Kodama è il capo progettista della Toyota Prius 2016 e ha raccontato come i modelli precedenti erano troppo “morbido ed organico”. C’era quindi bisogno di una trasformazione netta: “Come concetto, stavamo pensando a Lady Gaga. Volevamo essere più estremi nel nostro progetto”. Questa decisione trova fondamento su una ricerca interna che ha rilevato che da quando è stata commercializzata la prima Prius, nel 1997, non ci sono stati grandi stravolgimenti nel design.

Per quest’auto, regina tra le ibride, si è voluto creare quindi un progetto futuristico ma che emozioni e quindi la cantante è stata considerata un’ottima fonte di ispirazione. Quindi i progetti si sono orientati su due direzioni, una prevedeva un tatto organico umano, mentre l’altra aveva una direzione futuristica. Si è cercato di unire le due anime del progetto puntando sul “techy”.

Queste novità hanno fatto in modo che Prius avesse un volto affilato anteriore, fari e cappuccio e bordo lampade posteriori, lo spoiler posteriore. Tutto è stato creato per avere un’aerodinamica del tutto nuova per renderla molto più interessante esteticamente e differente dalle “concorrenti”. Ma è stato difficile per i progettisti conservare la sagoma triangolare della Prius che la rende molto riconoscibile.

La trasformazione aerodinamica della Toyota Prius

Ma la soluzione è stata trovata creando un tetto sottile con le sezioni del soffitto curve per dare più spazio e nuovi supporti per le batterie della vettura sotto i sedili posteriori e questo ha permesso loro di avere un assetto più basso a favore della forma aerodinamica. Piccole soluzioni tecniche, come un lunotto posteriore arrotondato o piccoli frontalini posteriori hanno reso la vettura completamente aerodinamica dandole un aspetto molto differente dai modelli precedenti.

LASCIA UN COMMENTO