La multa per eccesso di velocità con autovelox invisibile è valida. Questo è ciò che è stato deciso dal Tribunale di Caltanissetta. La motivazione sta nel fatto che, siccome esistono dei cartelli o dispositivi luminosi che ne indicano la presenza, allora sono valide anche le multe provenienti dai dispositivi che calcolano la velocità delle auto in transito.

Quindi se esiste un cartello che preannuncia la presenza di autovelox e si superano i limiti di velocità previsti, allora il verbale è valido anche se la macchinetta per la rilevazione non è visibile agli automobilisti. Il giudice Andrea Gilotta, di Caltanissetta, ha così dato un precedente giuridico che scontenterà molti automobilisti italiani.

Basta la segnalazione dell’Autovelox per rendere valido il verbale

La multa per eccesso di velocità con autovelox invisibile è valida: è stato deciso in una sentenza del 25 novembre 2015 dal Tribunale di Caltanissetta. Tutto si basa su una interpretazione dell’articolo 142 del Codice della Strada che dice: “Le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all’impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi”. Questa norma era stata confermata anche nella direttiva Maroni del 14 agosto 2009.

La multa per eccesso di velocità con autovelox invisibile è valida

Quindi secondo il giudice Gilotta, non c’è bisogno che l’autovelox sia visibile: “La segnalazione e la visibilità devono caratterizzare non già la postazione dell’autovelox in sé, intesa in senso fisico (ossia quale insieme di personale e mezzi preposti al controllo del traffico) quanto, piuttosto, la sua presenza nei pressi della sede stradale, in modo da spiegare utilmente la propria finalità di avvertimento nei confronti degli automobilisti”.

Si tratta, come detto, di una interpretazione dell’articolo 142 del Codice della Strada: “Tale interpretazione, oltre che sul piano letterale, trova riscontro anche sotto un profilo teleologico, essendo la finalità della norma, appunto, di garantire che la presenza di un autovelox sia preventivamente segnalata agli automobilisti attraverso l’uso di cartelli o dispositivi luminosi e ben visibili, e come tali idonei a orientare la condotta di guida degli utenti”.

Gli automobilisti cercano le migliori app per autovelox

Per cercare di evitare verbali per eccesso di velocità, gli automobilisti italiani sono sempre di più alla ricerca delle migliori applicazioni per smartphone utili per individuare per tempo la presenza di autovelox per poter ridurre la velocità nel punto giusto. Ma il nostro consiglio è quello di rispettare i limiti stabiliti per quel tratto stradale.

LASCIA UN COMMENTO